Cassa

Delegato cassa Collegio di Grosseto:
Eugenio Corridorie.corridori@cogeogr.com

Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (già Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Geometri) oggi C.I.P.A.G., o C.I.P.A.G.L.P. rappresenta per la categoria professionale di noi Geometri l’Ente previdenziale deputato ad amministrare la contribuzione degli iscritti e ad erogare le prestazioni.

L’Ente è oggi privatizzato ed è stato trasformato in associazione di diritto privato dal 01/01/1995 per effetto del Decreto Legislativo n. 509 del 30/06/1994.

La principale fonte legislativa della nostra Cassa è rappresentata dalla Legge 20 ottobre 1982, n. 773, pubblicata in G.U. n. 295 del 26 ottobre 1982.

I compiti istituzionali che la Cassa di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti è chiamata a svolgere sul piano delle prestazioni, sono costituiti da:

  • Corresponsioni delle pensioni (vecchiaia, anzianità, inabilità e invalidità, ai superstiti);
  • Corresponsione di provvidenze straordinarie;
  • Corresponsione di indennità di maternità;
  • Ricongiunzioni contributive e Totalizzazione;
  • Concessione di mutui e finanziamenti, sia direttamente che attraverso istituti bancari.

Nell’ambito dei compiti proiettati all’erogazione delle prestazioni di cui sopra, la Cassa di Previdenza, sia in prima persona che attraverso i Collegi Provinciali, mediante una capillare attività di decentramento, provvede a:

  • Iscrivere i Praticanti nei 18 mesi di pratica, consentendo loro avviare il percorso previdenziale;
  • Riscattare il periodo di praticantato svolto in precedenza;
  • Effettuare i rimborsi e sgravi dei contributi non dovuti;
  • Rilasciare i certificati regolarità contributiva D.U.R.C.;
  • Rilasciare gli estratti conto assicurativi E.C.A.;

L'iscrizione alla Cassa è obbligatoria per tutti gli iscritti all'Albo che esercitano la libera professione di Geometra, anche senza carattere di continuità ed esclusività, indipendentemente dal possesso di un'altra eventuale forma di previdenza obbligatoria (ad esempio dipendente privato, pensionato, artigiano, ecc.).

Per il funzionamento della Cassa di Previdenza, tutti gli iscritti alla Cassa devono contribuire con il versamento obbligatorio di:

  • contributo soggettivo, che è il contributo previdenziale, deducibile ai fini IRPEF, e calcolato nella percentuale stabilita dal Comitato dei Delegati sul reddito professionale netto;
  • contributo integrativo, che non costituisce onere a carico del professionista poiché è rappresentato dalla maggiorazione percentuale del 5% che si applica su ogni parcella professionale
  • contributo maternità, che concorre alla copertura degli oneri relativi all'erogazione dell'indennità di maternità alle iscritte alla Cassa (L.379/90).

Con le novità introdotte nel Regolamento sulla contribuzione dal Comitato dei Delegati del 29/11/2005, approvate dai Ministeri Vigilanti con provvedimento 10 gennaio 2006 ed entrate in vigore dall’01/01/2006, si è stabilita la frazionabilità in mesi della contribuzione dovuta dagli iscritti, che viene quindi corrisposta in relazione ai mesi di effettiva iscrizione.

Le recenti modifiche adottate dal Comitato dei Delegati in data 24 maggio 2006 ed approvate dai Ministeri Vigilanti il 09/10/06 con entrata in vigore dal 1° gennaio 2007, vengono gradualmente aumentate, sino al 2014, le aliquote per il calcolo del contributo soggettivo, dei contributi minimi soggettivi ed integrativi secondo la tabella di seguito riportata:

AnnoContributo soggettivo minimoPercentuale soggettivoContributo integrativo minimo
2007€ 1.750,0010%€ 700,00
2008€ 1.750,0010,5%€ 700,00
2009€ 2.000,0010,5%€ 800,00
2010€ 2.000,0011%€ 900,00
2011€ 2.250,0011%€ 900,00
2012€ 2.250,0011,5%€ 900,00
2013€ 2.500,0011,5%€ 1.000,00
2014€ 2.500,0012%€ 1.000,00

Dal 1° gennaio 2003 sono state apportate importanti modifiche regolamentari e statutarie, tra le quali l’introduzione della nuova figura di “Iscritto solo Albo” per il quale l'esercizio della libera professione si presume, fino a prova contraria fornita dall'interessato, e che dovrà essere documentata anno per anno mediante apposita autocertificazione di non svolgere alcuna attività professionale; in questo caso nulla è dovuto a titolo di contribuzione alla Cassa di Previdenza Geometri.

Particolare attenzione è riservata dalla Cassa ai giovani iscritti ed ai tirocinanti, potenziali nuovi iscritti, ai quali sono riservate interessanti opportunità ed agevolazioni. Nello specifico l'introduzione della possibilità di iscrizione volontaria per i Praticanti regolarmente iscritti negli appositi Registri tenuti dai Collegi.
Pertanto l'iscrizione costituirà anzianità di contribuzione ai fini della pensione.

Per i Praticanti che non si iscrivono anticipatamente al conseguimento dell’abilitazione, vi è la possibilità di riscatto del biennio di pratica, prevedendo la possibilità del versamento, anche rateizzato, della riserva matematica, da calcolarsi in conformità al principio di cui all'art.13 della legge 1338/62 rapportata alla contribuzione dell'anno di riferimento prevista per i neo-diplomati.

Per i nuovi iscritti alla Cassa, fino al compimento del trentesimo anno di età, il contributo minimo soggettivo obbligatorio è ridotto ad 1/4 per i primi due anni di iscrizione (€ 440,00) e alla metà per i successivi tre anni (€ 875,00), ed il contributo integrativo minimo del 5% è previsto senza il versamento anticipato del minimo per lo stesso periodo.
Ai suddetti contributi è da aggiungersi il contributo di indennità di maternità stabilito periodicamente.
In ultimo la Cassa Italiana Geometri ha il vanto di essere stata il primo Ente di previdenza in Italia ad avere la possibilità, per i propri iscritti di poter inoltrare la comunicazione obbligatoria dei dati reddituali e del volume d’affari, contestualmente al Modello Unico previsto dall’Agenzia delle Entrate.

Ciò ha comportato indubbi vantaggi per l’iscritto e per la Cassa: l’iscritto può con un’unica comunicazione, indenne da errori, comunicare i propri redditi ed il proprio volume d’affari fruendo altresì del rateizzo consentito per il pagamento delle imposte dovute (IRPEF ed IRAP), avendo altresì di compensare la contribuzione Cassa eventualmente dovuta con crediti di imposta vantati verso l’erario.

È allo studio la possibilità di riscuotere i contributi minimi soggettivi, attualmente versati dagli iscritti per mezzo di MAV emessi dalla Banca Popolare di Sondrio in quattro rate, attraverso F24 per il tramite dell’Agenzia delle Entrate.

Ogni iscritto alla Cassa riceve, al momento dell’iscrizione, un numero di matricola che lo accompagnerà per tutto il percorso previdenziale, ed una chiave PIN composta da 8 caratteri che consentirà lui, o lei, di accedere ad un’area riservata del sito www.cassageometri.it.
All’interno del sito il nuovo iscritto potrà inserire i dati ricevuti ottenendo un nuovo PIN composto da 8 caratteri che, unito al primo, costituirà il codice personale di accesso alla propria area riservata del sito della Cassa.
In questa area è presente una serie di servizi messi a disposizione dell’iscritto quale la propria situazione contributiva (Estratto Conto Assicurativo), tutta la modulistica di rapporto con la Cassa ed una newsletter nella quale viene pubblicata giornalmente una interessante rassegna stampa che seleziona i più interessanti articoli concernenti la nostra previdenza.